La coppia genera la vita

Viaggio nella Amoris Laetitia
11. “La coppia che ama e genera la vita è la vera ” scultura” vivente (non quella di pietra o d’oro che il Decalogo proibisce), capace di manifestare il Dio creatore e salvatore. Perciò l’amore fecondo viene ad essere il simbolo delle realtà intime di Dio”.

È in questa “esperienza” che si sviluppa la storia della salvezza e si vince la solitudine che inquieta l’uomo. È nell’incontro con l’altro che Dio si rivela ed è bello leggere un’esclamazione della Sposa nel Cantico dei Cantici che è una stupenda professione d’amore e di donazione nella reciprocità: “Il mio amato è mio e io sono sua (…). Io sono del mio amato e il mio amato è mio”.

La casa serena

“Amoris Laetitia”
Varchiamo dunque la soglia di questa casa serena, con la sua famiglia seduta intorno alla mensa festiva. Al centro troviamo la coppia del padre e della madre con tutta la loro storia d’amore. In loro si realizza quel disegno primordiale che Cristo stesso evoca con intensità: “Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina?”. (Mt 19,4). E riprende il mandato del Libro della Genesi:” Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno un’unica carne”.

… “… la fecondità della coppia umana è ” immagine” viva ed efficace, segno visibile dell’atto creatore”. Papa Francesco

Le due case

Amoris Laetitia
“La Bibbia è popolata da famiglie, da generazioni, da storie di amore e crisi familiari … – e ancora- Le due case che Gesù descrive, costruite sulla roccia o sulla sabbia, rappresentano tante situazioni familiari, create dalla libertà di quanti vi abitano, … Entriamo ora in una di queste case, …”.

Famiglia 1

 

Papa Francesco a questo punto propone il Salmo 128, 1-6 che, ancora oggi, si proclama sia nella liturgia nuziale ebraica sia in quella cristiana.

Eccolo e vi proponiamo di pregarlo insieme come coppia …
” Beato chi teme il Signore e cammina nelle tue vie.
Della fatica delle tue mani ti nutrirsi, sarai felice e avrai ogni bene.
La tua sposa come vite feconda nell’intimità della tua casa;
i tuoi figli come virgulti d’ulivo intorno alla tua mensa.
Ecco com’è benedetto l’uomo che teme il Signore.
Ti benedica il Signore da Sion.
Possa tu vedere il bene di Gerusalemme tutti i giorni della tua vita!
Possa tu vedere i figli dei tuoi figli!
Pace si Israele!”.

Bello. Davvero emozionante.
Buona giornata

Continua la lettura di Le due case

Viaggio nell’Amoris laetitia

Da questa mattina inizieremo un viaggio nella esortazione “Amoris Laetitia” del Papa dedicata alla famiglia.
Pubblicata da appena qualche giorno segna una cambiamento di stile e di approccio al tema della famiglia che è una vera “rivoluzione” nella Chiesa. Una Chiesa, forse, impreparata ad accoglierne tutta la sua reale portata. Ecco perché come “eremo di famiglia” non potevamo non cercare di conoscerla meglio. Buon viaggio con “La gioia dell’amore”.

Chi mangia la mia carne

Il vangelo del 15 aprile
Gv 6, 52-59’
“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui”.

Briciole di spiritualità

Commento

“Cristo mette nel mondo questo amore fortissimo, che libera. “Mangiare la mia carne” vuol dire: questo amore é nulla se non diventa la vostra carne, cioé tutti gli aspetti e momenti della vostra vita. L’eucaristia é carnale: amate fino a dare la vita. E’ il dono di sé, della nostra carne, perché diventi come la sua, dono intelligente per realizzare vita giusta e piena. In questo accettiamo la vita di Dio, diventiamo figli di Dio. Nel tempo, lungo la distensione del tempo – ci dicono gli ebrei – dobbiamo cercare di diventare figli di Dio, non automaticamente col sacramento, in un solo momento. Amare con giustizia é la finalità dell’eucaristia.

Il messia – dicono gli ebrei – é nel mondo, sta a noi riconoscerlo e accoglierlo. C’é una storia ebraica. Un uomo va dal rabbino: “Quando arriverà il messia?”. “E’ arrivato. E’ là, fuori dalle mura, con i lebbrosi”. L’uomo corre, e lo vede: si sta fasciando le gambe con calma e dolcezza musicale. “Sei tu il messia?”. “Sì”. L’uomo corre felice ad annunciarlo a tutti: “Il messia é venuto!”. Però, ci sono ancora guerre, mali, violenze. Allora ritorna triste dal messia, il quale gli dice: “Io sono il messia se voi ascoltate la mia voce”. Si tratta di accoglierlo in silenzio, nelle nostre azioni”.
Arturo Paoli

Continua la lettura di Chi mangia la mia carne

Pane disceso dal cielo

Dal vangelo del 14 aprile
Gv 6,44-51
“Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

Pane e vino mosaico

Commento

 

In questa comunione, mediante lo Spirito Santo, persino i timori e le notti delle nostre vite possono scoprire un’aurora delle riconciliazioni e il destarsi di una gioia semplicissima. E nei nostri cuori, a volte fragili, si accende una fiamma d’amore e possiamo avanzare dal dubbio verso il chiarore di una comunione. (Frere Roger di Taize).

Si, se restiamo insieme davvero, se siamo uniti e solidali l’uno con l’altro, se siamo capaci di fare ed essere comunione comprendendo gli altri intorno a noi e farci loro compagni di viaggio possiamo veramente scoprire una luce nuova che rischiara le nostre tenebre. Un sostegno decisivo ci viene dall’Eucaristia che è Gesù stesso, “pane vivo disceso dal cielo”.
E grazie allo Spirito Santo una fiducia ci riempirà il cuore donandoci pace e gioia la stessa che anche oggi vi auguriamo di sentire in voi.
Buona giornata.
franca e vincenzo

Continua la lettura di Pane disceso dal cielo

Chi crede in me

Il vangelo del 13 aprile
Gv 6,35-40
“Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!”.

Pane condiviso

Commento

 

La missione di Gesù in seno all’umanità ed il suo modo di esprimersi ha attraversato ogni barriera, in ogni età.
Quando Egli disse: “Io sono il pane della vita” parlò a tutti gli uomini d’ogni tempo.
Cristo è essenziale al nostro nutrimento spirituale, d’ogni giorno, come il pane lo è per il nostro nutrimento fisico.
La sua assenza dalla nostra vita ci lascia spiritualmente affamati, la sua presenza è una gioia ed una sorgente di forza.
Soltanto il pane celeste proceduto da Dio, dona vera vita.
In Cristo è la nostra speranza per la salute spirituale poiché egli soltanto, che è il pane vivente della vita, soddisfa largamente ogni necessità.

Continua la lettura di Chi crede in me

Io sono il pane della vita

Il vangelo del 12 aprile
Gv 6,30-35
«Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

Gesù e i dodici

Commento

 

Con la metafora del pane, Gesù ci insegna anche il modo più vero, più “cristiano” di amare il nostro prossimo. Infatti, che cosa significa amare? Amare significa “farsi uno” con tutti, farsi uno in tutto quello che gli altri desiderano, nelle cose più piccole e insignificanti e in quelle che forse a noi importano poco ma che agli altri interessano. E Gesù ha esemplificato in maniera stupenda questo modo di amare facendosi pane per noi. Egli si fa pane per entrare in tutti, per farsi mangiabile, per farsi uno con tutti, per servire, per amare tutti. Farsi uno anche noi dunque fino a lasciarsi mangiare. Questo è l’amore, farsi uno in modo che gli altri si sentano nutriti dal nostro amore, confortati, sollevati, compresi.

Continua la lettura di Io sono il pane della vita