Chi fa il male si nasconde

Il vangelo del 6 aprile
Gv 3,16-21
“… la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio”.
Il buio

Commento

Chi fa il male si nasconde preferisce la notte e rifiuta la luce e il giorno. Non vuole che le sue opere vengano viste e conosciute. Chi fa il male, infatti, e segretamente ne gode, resiste al bene e se ne prende gioco. Con le parole è un ammaliatore, un illusionista e con l’inganno accerchia le sue vittime fino a inondarle di promesse vuote.
Non facciamoci illusioni: chi abbraccia il male resiste alla luce e al bene e cerca di soffocarlo. Ed è cosi che sulle strade della semplice vita quotidiana il progetto di Dio trova sempre una decisa opposizione. Non c’è posto per Dio nel cuore di chi, incarnando con finzione, le sembianze del bene, si maschera e nella realtà opera il male. Queste persone sono abili mentitori e, di fatto, emarginano Dio. Parlano magari con gentilezza, sussurrano nell’orecchio vuote illusioni di effimera grandezza e, poi, affondano i loro affilati coltelli per catturare le loro prede. Non dobbiamo, quindi, essere stupiti se il peccato avanza e produce tanti frutti negativi.
Cerchiamo, perciò, di non cedere alle lusinghe interessate di questi dispensatori di illusioni e attacchiamoci al bene che abita il giorno e dona pace vera e gioia autentica. Franca e Vincenzo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.