Io e l’altro

Viaggio nell’Amoris laetitia. “Io e l’altro”. Sviluppare l’abitudine di dare importanza reale all’altro.

Copia 5 di images

Si tratta di dare valore alla sua persona, di riconoscere che ha il diritto di esistere, a pensare in maniera autonoma e ad essere felice. Non bisogna mai sottovalutare quello che può dire o reclamare, benché sia necessario esprimere il proprio punto di vista. È qui sottesa la convinzione secondo la quale tutti hanno un contributo da offrire, perché hanno un’altra esperienza della vita, perché guardano le cose da un altro punto di vista, perché hanno maturato altre preoccupazioni e hanno altre abilità e intuizioni. È possibile riconoscere la verità dell’altro, l’importanza delle sue più profonde preoccupazioni e il sottofondo di quello che dice, anche dietro parole aggressive. Per tale ragione bisogna cercare di mettersi nei suoi panni e di interpretare la profondità del suo cuore, individuare quello che lo appassiona e prendere quella passione come punto di partenza per approfondire il dialogo. Papa Francesco 🌻
Quanto è importante l’altro? Tanto quanto noi stessi. Si tanto quanto noi. Solo con l’altro possiamo davvero essere pienamente noi stessi. Senza l’altro, infatti, perdiamo la verità di noi che si manifesta nella relazione con l’altro. Ecco perché se vogliamo essere pienamente donne e uomini abbiamo bisogno dell’altro che ci aiuta a completare il nostro essere e ci consente di vivere una vita di pienezza cosi come Dio l’ha pensata e creata. Franca e Vincenzo 😊🌻

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.