Non solo parole

Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace!

o-jerusalem-greg-olsen

Gesù guarda Gerusalemme, guarda il nostro cuore e piange. È addolorato perché Gerusalemme la città santa non lo riconosce, perché il nostro cuore non si accorge di Lui. A Gerusalemme Gesù troverà la morte allo stesso modo di come spesso il nostro cuore lo rifiuta.

Nonostante questo nostro atteggiamento di rifiuto Egli non desiste e continua a farsi vedere, a bussare alla nostra porta. Lo fa ogni giorno mettendo davanti ai nostri occhi situazioni, persone e fatti che richiedono la nostra presenza e il nostro aiuto.

Le occasioni per compiere gesti d’amore sono davvero tante.  A noi spetta il compito di saperle riconoscere e di saper testimoniare che siamo capaci non solo di donare presenza, parole, silenzi ma anche aiuti concreti. Troppo spesso, infatti, siamo solidali solo a parole e non riusciamo a condividere nulla di ciò che possediamo restando musicanti capaci solo di suonare melodie suadenti ma che restano prive di concretezza.

Farsi prossimo nella concretezza della vita è il segno che spesso ci manca e che può evitare la “morte” dell’altro aiutandolo a risorgere.

Buon cammino.

Franca e Vincenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.