Un popolo chiamato Chiesa

Laici, diaconi e donne sono i chiamati dal Concilio Vaticano II a destrutturare il modello organizzativo  tridentino rimasto sostanzialmente immutato. Una lettura precisa e puntuale ci è offerta dalla teologa Serena Noceti in questa relazione dell’aprile scorso. Si tratta di una interessantissima esposizione dedicata alla ministerialita nella Chiesa che vi chiediamo caldamente e vi consigliamo di ascoltare.

Clicca per ascoltare Serena Noceti

A più di 50 anni dal Concilio Vaticano II il modello tridentino è ancora in piedi salvo qualche modifica di facciata. Senza questo cambiamento radicale tutto continuerà come prima.

Ebbene sia il Concilio Vaticano II che papa Francesco (vedi Evangelii  Gaudium ) sono intervenuti in merito e hanno sancito la necessità di una autentica corresponsabilita del popolo di Dio. La  Noceti, vice presidente dell’Associazione Teologica Italiana continua a ribadire che la direzione da seguire è quella di un ritorno alle origini della Chiesa che per essere realizzato ha bisogno di una progettualita che passa attraverso:

1) la creazione di nuove ministerialita’ laicali;

2) un aggiornamento dei percorsi formativi che debbono coinvolgere unitariamente seminaristi,  presbiteri, diaconi, religiosi e laici;

3) la creazione di team di coordinamento dell’attività pastorale delle parrocchie sotto la guida e responsabilità di un laico formato e di cui faccia parte il presbitero, il diacono, una coppia, i religiosi e i laici.

4) una sostanziale autolimitazione dei presbiteri e una vera declericalizzazione della Chiesa, che rappresenta il vero nodo che blocca ogni creatività;

5) 

Un commento su “Un popolo chiamato Chiesa”

  1. Bellissima utopia! Vorrei però riflettere un momento sul punto n° 2: se i nuovi presbiteri ed eventualmente futuri vescovi continueranno ad essere (s)formati da precedenti presbiteri, teologi, ecc. non cambierà mai alcunché. C’è bisogno di una netta sforbiciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.