Ancora sulle dieci parole

Ancora sulle dieci parole.

1. Non uccidere è non solo lasciare vivere, ma anche non privare gli altri di ciò che è necessario per la loro vita. 2. È un richiamo alla fedeltà nel matrimonio, anch’esso collocato nella sfera dell’alleanza 3. Anche qui c’è un comandamento che riguarda la vita e alle cose necessarie per vivere. Si tratta tra l’altro di non rubare la libertà di un uomo e vi è poi la condanna di ogni comportamento di disonestà nel commercio, nel salario da dare dell’operaio, nella ripartizione della terra. 4. Anche questo comando ha la funzione di tutelare la vita degli altri, che può essere compromessa da una testimonianza menzognera. 5. Infine, la decima parola non è solo la proibizione di un pensiero cattivo ma anche delle manovre che tendono alla realizzazione di un desiderio. … le dieci parole ci mostrano un Dio che si interessa dell’uomo. 🌈💫

Franca e Vincenzo oblati osb-cam

Esodo 20 13-17 💫

13Non ucciderai.
14Non commetterai adulterio.
15Non ruberai.
16Non pronuncerai falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
17Non desidererai la casa del tuo prossimo. Non desidererai la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo né la sua schiava, né il suo bue né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.