Guai a voi

Gesù è molto duro con scrivo e farisei. Le sue parole sono insolitamente forti e scavano un solco profondo tra chi segue solo le forme (scribi e farisei) e la necessità, invece, di dare verità alle nostre azioni e ai nostri gesti.

Le osservazioni di Gesù ci invitano a fare discernimento personale cercando di scrutare se e quando anche noi siamo legati alle cose esteriori e se, invece, cerchiamo di dare verità alla nostra vita di fedeltà al Vangelo.

Franca e Vincenzo, osb-cam

VANGELO DEL 27 AGOSTO 2019

Mt 23,23-26
  Queste erano le cose da fare, senza tralasciare quelle.

                           Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù parlò dicendo:
«Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima sulla menta, sull’anéto e sul cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della Legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Queste invece erano le cose da fare, senza tralasciare quelle. Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma all’interno sono pieni di avidità e d’intemperanza. Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi pulito!».

   Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.