Taci, calmati!

Ci sono tempi nei quali il vento soffia forte, soffia così forte che ci scuote fin dentro le viscere e ci agita fin dentro le midolla. È un vento che fa paura, un vento così potente che abita i sogni e turba le coscienze. Ed è in queste circostanze che il cuore implora la pace, chiede alla tempesta di fermarsi, spera che ogni agitazione si plachi.

Ma chi può per davvero minacciare il vento e dirgli “Taci, calmati!” ha il nome dell’Uomo che salva: Gesù. Ed è Lui che anche in questo momento ci ripete: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».

Franca e Vincenzo, osb-cam

Dal Vangelo secondo Marco

In quel medesimo giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».
Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, càlmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».
E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».

   Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.