Il tempo è adesso

Non abbiamo altro da attendere o da sperare. Siamo già, dice Gesù, vicini al Regno di Dio. Cristo, infatti, è già venuto ed il mondo è già salvo. Questo è l’annuncio che viene fatto ai discepoli inviati a due a due per portare la buona notizia. Possiamo, infatti, già toccare con mano, adesso, la bellezza della presenza di Gesù e ascoltare il suo Spirito che ci sussurra le giuste indicazioni al fine di farci fare, nel quotidiano, scelte giuste. Questa rivelazione di Gesù è molto bella e deve aiutarci a vivere la gioia di saperlo con noi ogni giorno. Anche se non lo vediamo, anche se non sentiamo la sua voce con l’orecchio, Egli c’è. Dobbiamo imparare: a trovarlo nella Parola che è sua presenza autentica (per questo leggere tutti i giorni il vangelo ci permette di ascoltare la sua voce); a trovarlo dell’Eucaristia che è sua presenza reale; a scoprirlo nei piccoli e nei poveri, in chi ha fame e sete, in chi è solo, malato, anziano e affamato.

Oggi giorno, perciò, abbiamo la possibilità di incontrarlo, di stare con Lui, di ricevere il suo affetto e sentirci amati nonostante le piccole o grandi cose che nella vita non vanno secondo i nostri desideri. Il desiderio più grande, forse, l’unico che dovremmo coltivare è proprio quello di cercarlo nella Parola, nell’Eucaristia e in ogni persona che incontriamo e che ci da l’opportunità di metterci al suo servizio. “C’è più gioia nel dare che nel ricevere“. Concludiamo con una massima di Tagore, filosofo indiano nato nel 1861 a Calcutta, che dice così: “Dormivo e sognavo che la vita era gioia. Mi svegliai e vidi che la vita era servizio. Volli servire e vidi che servire era gioia”.

Buona vita di servizio a tutti.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 10,1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: Pace a questa casa!. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: È vicino a voi il regno di Dio».

Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.