Gettate la rete

 Sulla parola, sulla Tua Parola … Fidarci e affidarci sembra non essere più un valore. Cerchiamo certezze ma non ci sono. Pretendiamo di realizzare i nostri desideri e non i sogni di Dio. Il mistero ci fa paura mentre è proprio in quel Mistero che si nasconde il piano di Dio. Abbiamo smarrito il senso e il valore dell’affidarci. Crediamo solo a ciò che vediamo e solo a ciò che tocchiamo. Ed è così che l’infelicità ha preso possesso dell’umanità. Abbiamo sostituito Dio con il potere, con il denaro e con il successo.

Oggi anche noi siamo invitati a gettare le reti, anche noi siamo chiamati a fidarci del Signore. È Lui che muove la storia mentre noi, poveri illusi, crediamo di essere qualcuno. Crediamo di essere noi gli artefici di ogni cosa e poi basta un invisibile virus a cambiare le nostre vite. Nemmeno il più ricco e potente fra gli uomini è riuscito o ha provato a fermare la folle corsa del covid19 che sta seminando paura e morte.

Da quando l’uomo ha smarrito il senso e il valore di fidarsi e di affidarsi al Signore il male non trova più ostacoli e il cuore dell’uomo non riesce più a guidarlo verso scelte di vera felicità.

Solo affidandoci al Signore, invece, potremo ritrovare quella vita buona che vive nei desideri puri e belli che il creatore ci ha donato. Sta proprio in quei desideri semplici e che ci accarezzano la vita che potremo trovare la serenità e la gioia per la quale siamo nati.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.
Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

   Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.