Ne sentì compassione

Clicca qui per ascoltare la nostra riflessione al vangelo di oggi mandata in onda da Radio Civita per la rubrica Sulla via di Emmaus

Questa foto mostra una coltre di nubi che impedisce di vedere a valle. Dal monte si vedono le punte più alte delle montagne circostanti e il cielo fino all’orizzonte. Gesù, invece, sa guardare in profondità, sa superare gli ostacoli che impediscono di scorgere cosa abbiamo nel cuore e bussa affinché gli consentiamo di entrare e restare con noi. Egli conosce le nostre paure, i nostri dubbi, le nostre fragilità ed è pronto a guarire le nostre malattie e le nostre infermità. Gesù osserva il popolo e si accorge dell’abbandono in cui vive e ne ha compassione. Per questo invia i suoi discepoli che gratuitamente hanno ricevuto e gratuitamente sono chiamati a dare. Solo chi ama, quindi, potrà scacciare il male e liberarci dalle infermità e dalle paure che ci abitano.

Se vogliamo possiamo andare oltre, possiamo superare qualsiasi ostacolo perché siamo stati conquistati dall’amore.

Franca e Vincenzo, osb-cam ❤️

PS la foto è stata scattata ieri dal Monastero della Rupe sito lungo la via che porta a Montecassino e dove vivono delle monache che producono biscotti molto buoni e gustosi.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 9,35 – 10,1.6-8

In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.