La notte e la preghiera

Pregare è dialogare con Dio, è stabilire un contatto capace di offrire suggerimenti alla nostra vita, è trovare uno “spazio” temporale nel quale raccogliere ogni più piccolo dettaglio e delineare strade e pensieri di futuro. Gesù spesso si ritrovava in preghiera e prediligeva farlo in luoghi solitari e nella notte. La notte, infatti, è il tempo nel quale i pensieri si affollano e pongono domande, palesano possibili scenari e, non ultimo, a volte, provocano ansia e preoccupazione. Spesso di notte si è nella condizione di riflettere con maggiore intensità anche per sciogliere nodi e capire fatti e persone. Gesù al termine della notte di preghiera chiamò i suoi discepoli e ne scelse dodici che chiamò apostoli. Poi incontra la moltitudine delle genti e tra questi molti chiedevano di essere guariti e furono guariti. Da Gesù, infatti, “usciva una forza che guariva tutti”. Anche noi possiamo andare da Gesù e chiedere di essere guariti e Lui, lo farà.

Franca e Vincenzo oblati camaldolesi ❤️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,12-19
 
In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti.

Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.