Perdere PER vincere

È solo, incompreso e rifiutato; cacciato via dalla istituzione religiosa e perseguitato dai sacerdoti del Tempio, cerca di capire se il suo messaggio è stato compreso ma si rende conto che nemmeno i suoi discepoli hanno intuito Egli chi è davvero. Anche loro credono che Gesù sia venuto per liberare il popolo dall’oppressione romana. La delusione di Gesù è grande.

Chi mette al primo posto della vita la reputazione, il prestigio, il successo e il danaro non può e seguire Gesù. Seguire il Figlio di Dio, il Cristo, l’Unto, significa rinunciare a stesso, ai sogni di gloria, all’accumulo della ricchezza e decidere di prendersi in carico la cura di altre persone che gridano aiuto; significa mettersi al “Servizio” senza calcoli. Abbiamo, infatti, imparato che non sono e non saranno i riti a salvare la nostra vita. Per “vincere” occorre saper perdere, occorre saper essere uomini di speranza anche quando questa speranza sembra mancare o è invisibile.

Per vincere e salvare la propria vita, insomma, occorre essere pronti a perdere se stessi, a scacciare il proprio egoismo: è necessario Amare. Ebbene, si, è importante mettere al primo posto il bene degli altri e non la propria reputazione. Occorre essere pronti ad accettare, anche il rigetto e il rifiuto delle Autorità religiose. Sarà, inoltre, necessario chiedere al Padre il perdono per chi ci fa o tenta di farci del male. Gesù chiede di Amare e di farlo senza attendersi nulla in cambio. Siamo davvero disposti a vivere lo stile di vita proposto da Gesù? Molti dei suoi discepoli lo abbandoneranno. E noi??

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Marco

Mc 8,27-35

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti».

Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.

E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto, ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere.

Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».

Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà».

Parola del Signore.

Le fondamenta sulla roccia

Da piccoli andavamo al catechismo e ci mostravano il disegno di una casa costruita sulla roccia e una sulla sabbia. Quando arrivava la bufera e il vento soffiava forte la casa costruita sulla roccia restava salda al suo posto e chi ci viveva dentro era protetto. La casa costruita sulla sabbia, invece, era spazzata via e i suoi abitanti erano spazzati via.

Questo accade nelle nostre vite quando pur ascoltando la Parola non la mettiamo in pratica. San Paolo dirà: “Se avessi il dono della profezia, se avessi la pienezza della fede, ma non avessi la carità, non sarei nulla”. Parlare bene o predicare bene, credere in Dio ma non vivere ciò che si dice non serve. Ciò che ci salva dalla tempesta e dalla morte è Amare concretamente l’altro. Occorrono fatti. Le parole o i riti da soli non bastano.

Solo amando concretamente costruiremo la nostra casa sulla roccia e salveremo la nostra vita. Finché siamo qui in questo mondo abbiamo tempo per Amare e dare fondamenta alle nostre parole salvando la nostra vita. Cosa aspettiamo ancora?

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,43-49

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non vi è albero buono che produca un frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo.
L’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda.
Perché mi invocate: “Signore, Signore!” e non fate quello che dico?
Chiunque viene a me e ascolta le mie parole e le mette in pratica, vi mostrerò a chi è simile: è simile a un uomo che, costruendo una casa, ha scavato molto profondo e ha posto le fondamenta sulla roccia. Venuta la piena, il fiume investì quella casa, ma non riuscì a smuoverla perché era costruita bene.
Chi invece ascolta e non mette in pratica, è simile a un uomo che ha costruito una casa sulla terra, senza fondamenta. Il fiume la investì e subito crollò; e la distruzione di quella casa fu grande».

Parola del Signore.

Chiese vuote e assenza di Dio

Si racconta che in piena pandemia in un piccolo paese degli Appennini un’anziana si stava recando in chiesa per pregare. Pochi metri prima di entrare nella chiesa del paesino ha incrociato una sua conoscente e nel salutarla le ha chiesto: “Dove vai?”. La conoscente, con fare frettoloso, le risponde: “Torno a casa. La chiesa è vuota. Non c’è nessuno”. L’anziana di getto replica: “E che è successo? Anche Gesù se n’è andato?”.

Può essere che anche Gesù Cristo è andato via? Oppure siamo noi che non ci accorgiamo della sua presenza?

«Può forse un cieco guidare un altro cieco?

È proprio vero che è e sarà il bello a salvare questo mondo. Il bello, il buono e lo stupore dell’innocenza sono i tre ingredienti da non perdere o conquistare per vivere felici. C’è una immensa saggezza nella bellezza alla quale nessun occhio e nessun cuore possono resistere. Il bello e il buono sono superiori ad ogni Legge e ad ogni giudizio. Il bello e il buono che lo Spirito suggerisce e diffonde vinceranno il male, ogni male.

Se cerchiamo maestri guardiamo il più bello fra gli uomini, guardiamo quel Cristo che ogni giorno ci cammina a fianco e ci sostiene e per cercare di imitarlo facciamoci compagni di viaggio degli altri. Abbiamo TUTTI, nessuno escluso, un unico Maestro: Gesù Cristo.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,39-42
 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro.
Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

Parola del Signore.

Siate misericordiosi

Vivere è Amare, fare del bene, costruire relazioni belle … è non giudicare, non condannare … è vincere il male, ogni male, con il bene.

Se questa non è una rivoluzione come la chiamereste? Certo, per vivere cosi, ci vuole coraggio. Si tratta di praticare l’Amore cioè: farsi “strumento” nelle mani di Dio e riconoscere che solo facendo come ha fatto Lui possiamo essere felici e conquistare la Pace.

Gesù dice questo ai suoi discepoli (cioè anche a tutte le donne e agli uomini che cercano di seguirlo) ai quali chiede “Ascolto”. Lo fa con parole semplici e chiare offrendoci indicazioni concrete che interpellano cuore e ragione.

Ci chiede di Amare (anche i nemici e chi ci ha fatto e ci fa del male) ed essere misericordiosi cioè capaci di avere a cuore l’infelice, di non aver timore di commuoversi, di saper perdonare, di non reagire al male e, soprattutto, di agire per sostenere e incoraggiare l’altro.

È una bella sfida.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 6,27-38

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«A voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male. A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra; a chi ti strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro.

E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro. Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.

Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.

Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

Parola del Signore.

Il Dio con noi

Teniamoci forte: l’Emmanuele, il Dio con noi è qui. Chi se lo sarebbe immaginato. Dio, il creatore del cielo e della terra è qui!!!

Sembra incredibile eppure la fede cristiana è questa. Una fede che se ti prende davvero ti penetra dentro e invade ogni più piccolo anfratto del corpo fino ad avvolgere cuore e ragione. Una fede che cambia la vita e la difende con tutta la sua forza; una fede che da senso e significato alla vita e che offre un orientamento ad ogni sentiero di vita.

L’Emmanuele, il Dio con noi, è qui!!! Maria lo ha dato alla luce e insieme a Giuseppe lo hanno accolto. Tutto questo viene dallo Spirito. Ma perché il creatore del cielo e della terra è venuto? Per salvarci dal male. Questa è fede!!!

La Fede, infatti, tutto crede e tutto spera e vince le nostre paure, i nostri dubbi, le nostre perplessità. La Fede quando siamo soli e ci sentiamo abbandonati ci soccorre e ci solleva su ali d’aquila, ci fa volare alto sulle miserie umane e supera ogni ipocrita visione terrena.

Chiedendo ed invocando la Fede possiamo davvero guardare lontano e con fiducia camminare ancora. Buon cammino.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1,18-23

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa Dio con noi.

Parola del Signore.

Ne scelse dodici

Salire sul monte, salire in alto per toccare il cielo con un dito e cercare Dio. Alzare gli occhi e, di notte, pregare per stare in comunione.

Al mattino sarà più agevole fare scelte significative e scendere in pianura per ascoltare il grido del mondo e servire il prossimo che attende guarigione.

Questo è lo stile di Gesù dal quale usciva una forza che guariva tutti e TUTTI cercavano di toccarlo.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,12-19
 
In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore. 
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore.

A proposito del valore della Preghiera. Ascoltiamo papa Francesco.

Tendi la tua mano

Al centro della scena c’è l’uomo e il suo cuore, c’è la vita buona, la gioia e la felicità. La legge degli scribi e dei farisei viene dopo: è l’uomo il centro.

Gesù ama, accoglie, accompagna e guarisce. Le sue Parole sono per la vita e danno senso e significato al cammino e alla storia di ogni uomo.

La mano aperta serve ad accogliere ma anche a donare … Gesù guarisce la mano paralizzata e ci invita a fare della vita un dono per gli altri.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,6-11
 
Un sabato Gesù entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. C’era là un uomo che aveva la mano destra paralizzata. Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato, per trovare di che accusarlo. 
Ma Gesù conosceva i loro pensieri e disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!». Si alzò e si mise in mezzo. 
Poi Gesù disse loro: «Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male, salvare una vita o sopprimerla?». E guardandoli tutti intorno, disse all’uomo: «Tendi la tua mano!». Egli lo fece e la sua mano fu guarita. 
Ma essi, fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.

Parola di Dio.

Fa udire i sorDi e parlare i muti

Liberare l’uomo, offrire capacità di Ascolto e di Parola, aprire il cuore e la mente alla possibilità di fare il bene. È questo il programma per una vita buona, bella e piena di senso e di significato.

Gesù libera l’uomo prigioniero del male che non gli permette di Ascoltare la Parola o il grido dei Poveri; dona all’uomo la capacità di parola per diffondere la sua Parola e Amare. Fa questo e molto altro ancora nel cammino della vita offrendoci la possibilità di Ascoltare come ha fatto Lui e di agire come ha fatto Lui servendo gli altri e non servendoci degli altri.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 7,31-37
 
In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.
E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

Parola del Signore.
 

Signore del sabato

Il bene dell’uomo e la sua libertà di amare sono la misura per valutare la nostra vita. Nessuna legge umana è superiore al vero bene dell’uomo. Nessun obbligo o imposizione potrà mai essere “buona” se impedisce una vita piena e in sintonia con il benessere. Gesù smaschera chi si lega morbosamente ai riti e ai gesti se questi non aiutano la buona vita dell’uomo. E così ricorda che, fin dal tempo di Davide, l’esigenza di soddisfare il bisogno naturale di mangiare è superiore alla istituzione del riposo del sabato. In origine il “sabato” fu stabilito proprio per permettere all’uomo di riposare almeno un giorno a settimana. Ma se questo “riposo” crea o può creare problemi alla buona vita dell’uomo e non aiuta a vivere bene va superato e ignorato. Ciò che conta davvero è la possibilità di “Amare e Amare con il cuore”. Il freddo rispetto di regole e riti quando questi non aiutano a voler bene e volersi bene vanno accantonati senza alcun senso di colpa.

Franca e Vincenzo osb-cam ♥️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6,1-5
 
Un sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli coglievano e mangiavano le spighe, sfregandole con le mani.
Alcuni farisei dissero: «Perché fate in giorno di sabato quello che non è lecito?».
Gesù rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Come entrò nella casa di Dio, prese i pani dell’offerta, ne mangiò e ne diede ai suoi compagni, sebbene non sia lecito mangiarli se non ai soli sacerdoti?».
E diceva loro: «Il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Parola del Signore.

Aquila e Priscilla