Archivi tag: libertà

L’amore spinge a volare alto

La paura che il male distrugga l’amore di Tobia e Sara induce Raguel a fare previsioni nefaste. Quando, invece, si rende conto che il male è stato sconfitto la gioia lo spinge a benedire e ringraziare Dio. È questa l’occasione per organizzare una grande festa e a chiamare a se i suoi servi ai quali impartisce ordini precisi. Poi chiama Tobia e gli annuncia che sta organizzando una grande festa che durerà 14 giorni. I genitori di Sara, ora, sono pieni di gioia e con maturità e giustizia la lasciano libera di “fare famiglia” con Tobia. I novelli sposi sono chiamati a costruire la loro famiglia che avrà una propria autonoma fisionomia e godrà della piena libertà mentre i genitori si ritagliano il ruolo che spetta loro. Saranno Raguel e Ebna fatto a benedire la nuova unione pregando il Signore di non far mai mancare la sua vicinanza. … e cosi dall’antico testamento ci giunge la proposta di uno stile di vita davvero importante per il nostro tempo sia per tutti i genitori che per le nuove coppie chiamate a camminare con libertà e autonomia salvaguardando le relazioni con le famiglie d’origine … 💫

Franca e Vincenzo oblati osb-cam

Libro di Tobia 8, 10-21

[10]Ma Raguele si alzò; chiamò i servi e andò con loro a scavare una fossa. Diceva infatti: «Caso mai sia morto, non abbiamo a diventare oggetto di scherno e di ribrezzo». [11]Quando ebbero terminato di scavare la tomba, Raguele tornò in casa; chiamò la moglie [12]e le disse: «Manda in camera una delle serve a vedere se è vivo; così, se è morto, lo seppelliremo senza che nessuno lo sappia». [13]Mandarono avanti la serva, accesero la lampada e aprirono la porta; essa entrò e li trovò che dormivano insieme, immersi in un sonno profondo. [14]La serva uscì e riferì loro che era vivo e che non era successo nulla di male. [15]Benedissero allora il Dio del cielo: «Tu sei benedetto, o Dio, con ogni pura benedizione. Ti benedicano per tutti i secoli![16]Tu sei benedetto, perché mi hai rallegrato e non è avvenuto ciò che temevo, ma ci hai trattato secondo la tua grande misericordia. [17]Tu sei benedetto, perché hai avuto compassione dei due figli unici. Concedi loro, Signore, grazia e salvezza e falli giungere fino al termine della loro vita in mezzo alla gioia e alla grazia». [18]Allora ordinò ai servi di riempire la fossa prima che si facesse giorno. [19]Raguele ordinò alla moglie di fare il pane in abbondanza; andò a prendere dalla mandria due vitelli e quattro montoni; li fece macellare e cominciarono così a preparare il banchetto. [20]Poi chiamò Tobia e sotto giuramento gli disse: «Per quattordici giorni non te ne andrai di qui, ma ti fermerai da me a mangiare e a bere e così allieterai l’anima già tanto afflitta di mia figlia. [21]Di quanto possiedo prenditi la metà e torna sano e salvo da tuo padre. Quando io e mia moglie saremo morti, anche l’altra metà sarà vostra. Coraggio, figlio! Io sono tuo padre ed Edna è tua madre; noi apparteniamo a te come a questa tua sorella da ora per sempre. Coraggio, figlio!».

La liberta’ esige umilta’ e fiducia

_La liberazione dal faraone e da ciò che rappresenta non pone fine al rischio di altri potenti/nemici. La vittoria è questione di fiducia in Dio, di preghiera fatta di umiltà. La preghiera non è, infatti, una pratica magica e Dio agisce sempre attraverso l’opera degli uomini chiamati alla fede e ad abbandonare ogni autosufficienza. Quando Israele guarda in alto e sottomette il suo cuore a Dio può ottenere la vittoria. 💫_

Franca e Vincenzo oblati osb-cam

Guerra contro Amalèk

Esodo 17, 8-16

8Amalèk venne a combattere contro Israele a Refidìm. 9Mosè disse a Giosuè: «Scegli per noi alcuni uomini ed esci in battaglia contro Amalèk. Domani io starò ritto sulla cima del colle, con in mano il bastone di Dio».10Giosuè eseguì quanto gli aveva ordinato Mosè per combattere contro Amalèk, mentre Mosè, Aronne e Cur salirono sulla cima del colle. 11Quando Mosè alzava le mani, Israele prevaleva; ma quando le lasciava cadere, prevaleva Amalèk. 12Poiché Mosè sentiva pesare le mani, presero una pietra, la collocarono sotto di lui ed egli vi si sedette, mentre Aronne e Cur, uno da una parte e l’altro dall’altra, sostenevano le sue mani. Così le sue mani rimasero ferme fino al tramonto del sole. 13Giosuè sconfisse Amalèk e il suo popolo, passandoli poi a fil di spada.
14Allora il Signore disse a Mosè: «Scrivi questo per ricordo nel libro e mettilo negli orecchi di Giosuè: io cancellerò del tutto la memoria di Amalèk sotto il cielo!». 15Allora Mosè costruì un altare, lo chiamò «Il Signore è il mio vessillo» 16e disse:

«Una mano contro il trono del Signore!
Vi sarà guerra per il Signore contro Amalèk,
di generazione in generazione!».

Oltre il nostro deserto

_Ogni gesto rituale è un segno evocativo, un segno parlante, un segno che esprime un senso e la vita ha bisogno di senso. Il popolo di Israele, (il popolo di Dio, … noi) ha bisogno di senso per essere popolo e sentirsi tale. Un senso che offre la possibilità di sapere perché fare qualcosa, per chi farla e come farla. Perché ogni cosa abbia un senso che “carica” l’esistenza. Fidarsi di Dio, affidarsi a Lui e alla sua Parola da un senso e la Pasqua con i suoi gesti/riti memoria è il momento fondante della nostra fede. È dalla Pasqua che tutto parte e ha origine: inizio della libertà per il popolo d’Israele ma anche liberazione da ogni schiavitù (compresa la morte) con la risurrezione di Gesù. 🌈💫_

Franca e Vincenzo oblati osb-cam

Esodo 12, 21-28

21Mosè convocò tutti gli anziani d’Israele e disse loro: «Andate a procurarvi un capo di bestiame minuto per ogni vostra famiglia e immolate la Pasqua. 22Prenderete un fascio di issòpo, lo intingerete nel sangue che sarà nel catino e spalmerete l’architrave ed entrambi gli stipiti con il sangue del catino. Nessuno di voi esca dalla porta della sua casa fino al mattino. 23Il Signore passerà per colpire l’Egitto, vedrà il sangue sull’architrave e sugli stipiti; allora il Signore passerà oltre la porta e non permetterà allo sterminatore di entrare nella vostra casa per colpire. 24Voi osserverete questo comando come un rito fissato per te e per i tuoi figli per sempre.25Quando poi sarete entrati nella terra che il Signore vi darà, come ha promesso, osserverete questo rito. 26Quando i vostri figli vi chiederanno: «Che significato ha per voi questo rito?», 27voi direte loro: «È il sacrificio della Pasqua per il Signore, il quale è passato oltre le case degli Israeliti in Egitto, quando colpì l’Egitto e salvò le nostre case»». Il popolo si inginocchiò e si prostrò.
28Poi gli Israeliti se ne andarono ed eseguirono ciò che il Signore aveva ordinato a Mosè e ad Aronne; così fecero.

 

Il potere schiavizza. Solo Dio libera

_Prosegue la “lotta” per la liberazione. L’uomo di potere non cede, si ostina a negare Dio. Quando è nello stato di necessità il potente “promette” ma poi, appena il pericolo termina, torna ad opprimere. Al popolo di Israele continua ad essere impedito di adorare, il potere del faraone è un potere che schiavizza, che opprime, che non lascia alcuna libertà. Solo Dio può liberarci dai potenti che ci vogliono al loro servizio … 🌈💫_

Franca e Vincenzo oblati osb-cam

12Quindi il Signore disse a Mosè: «Di’ ad Aronne: «Stendi il tuo bastone, percuoti la polvere del suolo: essa si muterà in zanzare in tutta la terra d’Egitto!»». 13Così fecero: Aronne stese la mano con il suo bastone, colpì la polvere del suolo e ci furono zanzare sugli uomini e sulle bestie; tutta la polvere del suolo si era mutata in zanzare in tutta la terra d’Egitto. 14I maghi cercarono di fare la stessa cosa con i loro sortilegi, per far uscire le zanzare, ma non riuscirono, e c’erano zanzare sugli uomini e sulle bestie.15Allora i maghi dissero al faraone: «È il dito di Dio!». Ma il cuore del faraone si ostinò e non diede ascolto, secondo quanto aveva detto il Signore.
16Il Signore disse a Mosè: «Àlzati di buon mattino e presèntati al faraone quando andrà alle acque. Gli dirai: «Così dice il Signore: Lascia partire il mio popolo, perché mi possa servire! 17Se tu non lasci partire il mio popolo, ecco, manderò su di te, sui tuoi ministri, sul tuo popolo e sulle tue case sciami di tafani: le case degli Egiziani saranno piene di tafani e anche il suolo sul quale essi si trovano. 18Ma in quel giorno io risparmierò la regione di Gosen, dove dimora il mio popolo: là non vi saranno tafani, perché tu sappia che io sono il Signore in mezzo al paese! 19Così farò distinzione tra il mio popolo e il tuo popolo. Domani avverrà questo segno»». 20Così fece il Signore: sciami imponenti di tafani entrarono nella casa del faraone, nella casa dei suoi ministri e in tutta la terra d’Egitto; la terra era devastata a causa dei tafani.
21Il faraone fece chiamare Mosè e Aronne e disse: «Andate a sacrificare al vostro Dio, ma nel paese!». 22Mosè rispose: «Non è opportuno far così, perché quello che noi sacrifichiamo al Signore, nostro Dio, è abominio per gli Egiziani. Se noi facessimo, sotto i loro occhi, un sacrificio abominevole per gli Egiziani, forse non ci lapiderebbero?23Andremo nel deserto, a tre giorni di cammino, e sacrificheremo al Signore, nostro Dio, secondo quanto egli ci ordinerà!». 24Allora il faraone replicò: «Vi lascerò partire e potrete sacrificare al Signore nel deserto. Ma non andate troppo lontano e pregate per me». 25Rispose Mosè: «Ecco, mi allontanerò da te e pregherò il Signore; domani i tafani si ritireranno dal faraone, dai suoi ministri e dal suo popolo. Però il faraone cessi di burlarsi di noi, impedendo al popolo di partire perché possa sacrificare al Signore!».
26Mosè si allontanò dal faraone e pregò il Signore. 27Il Signore agì secondo la parola di Mosè e allontanò i tafani dal faraone, dai suoi ministri e dal suo popolo: non ne restò neppure uno. 28Ma il faraone si ostinò anche questa volta e non lasciò partire il popolo.

 

L’amabilità in famiglia

Amabilità. “… l’amore non opera in maniera rude, non agisce in modo scortese, … Detesta far soffrire gli altri. Essere amabili … è parte delle esigenze irrinunciabili dell’amore … Ogni giorno, entrare nella vita dell’altro, anche quando fa parte della nostra vita, chiede la delicatezza di un atteggiamento non invasivo, che rinnova la fiducia e il rispetto … E l’amore, quanto più è intimo e profondo, tanto più esige il rispetto della libertà e la capacità di attendere che l’altro apra la porta del suo cuore”. Papa Francesco 🌻. … E allora l’incontro con l’altro diventa un gioco di sguardi, di gesti gentili, di piccole accortezze, di gioia. Un incrocio di parole sussurrate per esaltare i pregi e negare errori e difetti, … Un incontro di carezze appena, appena sfiorate e di incoraggiamenti a sperare per spingere la vita, insieme, oltre … Buon cammino di coppia a tutti voi. Franca e Vincenzo