Seguimi

“Seguimi” è la Parola che ci colpisce più in profondità. Una parola, un comando, un’azione da compiere che prefigura un andare con Gesù ogni giorno della vita. Si tratta di lasciare le cose vecchie. Per Matteo il suo lavoro, la sua vita precedente, le sue abitudini e le sue certezze. L’invito di Gesù ci sembra verso un ignoto, verso una direzione imprecisata … senza certezze ma piena di Lui che è il tutto di questa esistenza. È Lui che può riempire davvero di “senso” la nostra vita.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Vangelo del 5 luglio 2029
Mt 9,9-13
Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Misericordia io voglio e non sacrifici.

                       Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.