Toccare il lembo del mantello

Si, quanto anche ciascuno di noi vorrebbe toccare il lembo del mantello di Gesù? Sappiamo che toccare anche solo il suo mantello significa “guarire la nostra vita”, significa sottrarla al potere del mondo, significa leggere la nostra vita come un dono di Dio per la sua e non la nostra gloria. Ebbene, crediamo che se avessimo davvero questo desiderio (quello di seguire Gesù e toccare il suo mantello) la nostra salvezza sarebbe già iniziata e, quindi, ad un passo da averla ottenuta.

Avere fede in Gesù, fidarsi e affidarsi a Lui e non ai nostri desideri e alla nostra volontà è l’unico vero segno che ci accredita la salvezza. Ma non è facile lasciare i nostri desideri, i nostri progetti, la nostra volontà. Ciò che davvero ci da la salvezza è la rinuncia ai desideri, ai progetti e alla nostra volontà per fidarci e affidarci a Lui accogliendo ogni cosa che accade nella nostra vita. Significa avere la forza e il coraggio di accogliere anche quello che non incontra i nostri progetti personali o che umanamente ci fa soffrire. Significa avere la passione di servire il Signore anche se ci criticano, ci maltrattano, ci calunniano, ci offendono, ci emarginano. Gesù in questi casi e in ogni altra circostanza della vita ci sta vicino. Lui è morto per noi sulla croce e sulla croce ci ha salvato.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono.
Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse.
E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.

   Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.