E tutto sarà puro

C’è un distanza enorme tra il rispetto delle regole dei farisei e l’amore per l’uomo di Gesù. Tra le forme e la sostanza. Tra chi cura l’esterno e chi sta attento al bene sostanziale per la persona.

Tra l’uno e l’altro la distanza è abissale … Ecco la buona grande notizia che sconvolge il potere sacerdotale di scribi e farisei. Il vangelo, infatti, racconta in molti episodi il confronto tra farisei, scribi e sacerdoti del tempio con Gesù. Il timore dei primi è, in fondo, quello di perdere il potere sul popolo che mantenevano proprio grazie a regole e leggi delle quali loro erano gli “amministratori”. Gesù supera le leggi e invita ad amare … Ed è per questo che finirà sulla croce … Gesù, per sacerdoti, farisei e scribi è un ribelle all’ordine costituito e, quindi, al loro potere.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo.
Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».

   Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.