Non indurite il vostro cuore

Nonostante tutto Gesù si commuove e piange. La sua compassione si esprime attraverso gesti eloquenti. Vedendo Gerusalemme, (le nostre città e la nostra vita) egli versa lacrime di compassione. Eppure non possiamo perdere la speranza. I cristiani, ciascuno di noi, siamo chiamati ad esercitare la virtù della speranza e abbiamo il dovere di vivere la comunione con gli altri. Da soli non possiamo fare nulla abbiamo bisogno degli altri e dell’aiuto del Signore che ci aspetta lungo la via.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo:
«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

   Parola del Signore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.