Siate prudenti

In una sua canzone, “Sally”, Vasco dice che “la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia” e, intervistato, spiega: “Pensavo di essere solo io in questa condizione di equilibrio sopra la follia e, invece, ci siamo tutti”.

A pensarci un po’ meglio, un simile consiglio, per essere cristiani, questa mattina ce lo da anche Gesù invitandoci a vivere in questo mondo abitato da “lupi” con la prudenza e l’astuzia dei serpenti ma anche con la semplicità della colomba. Uno stile di vita che cammina in un equilibrio sempre precario nel quale i cristiani, attaccati da più parti, sono invitati a restare calmi. Lui, Gesù, ci ha promesso che ci sarà sempre accanto. Sarà “lo Spirito del Padre”, infatti, a parlare per noi suggerendo le parole giuste. Insomma tutta la nostra vita è destinata a dipanarsi in una costante precarietà da affrontare con astuzia, prudenza e semplicità.

Franca e Vincenzo osb-cam ♥️

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10,16-23
 
In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: 
«Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. 
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. 
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato.
Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo».

Parola del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.