Dio con noi

Giuseppe, uomo giusto e profondamente rispettoso della legge, questa volta la trasgredisce. Avrebbe dovuto denunciare Maria ma cede all’Amore, non applica la Legge antica ma il suo cuore si fa conquistare dall’Amore. Applica, cioè, una giustizia più giusta. Ma non basta. Invece che imporre al figlio il nome del padre, come la tradizione imponeva, Giuseppe rompe con l’antica usanza e accetta di chiamarlo Gesù, uomo che salva. Queste due decisioni che Giuseppe fa sue sono una rivoluzione. Sono due gesti di accoglienza che crea una cosa nuova. Ed eccolo allora il “Dio con noi”. Eccolo il Dio che viene. Non siamo più noi che dobbiamo cercare Dio ma è Lui che ci cerca. A noi spetta, invece, di accoglierlo nel cuore. A noi spetta aprire le porte a Cristo.

Chiediamo allo Spirito di aiutarci a non essere egoisti o presuntuosi. Facciamoci “casa”, piccola casa che accoglie Gesù e lo fa entrare perché la Luce del suo Amore possa illuminare la nostra vita e dare alla nostra vita il senso di una esistenza spesa per il bene. Solo noi possiamo permettere a Dio di entrare nel nostro cuore e dargli la facoltà di trasformare la nostra vita dando alla nostra esistenza il senso di una vita spesa per il bene

Franca e Vincenzo osb-cam ♥️

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1,18-24
 
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele»,
che significa «Dio con noi».
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.