Tu chi sei?

“Tu chi sei?”. Chi è Gesù per me? Gesù è il crocifisso!

Si, Gesù è “l’uomo-Dio” crocifisso che altri uomini, cioè noi, abbiamo messo in croce e che accetta di essere crocifisso. Pur essendo le nostre case piene di crocifissi appesi alle pareti spesso ci dimentichiamo del senso profondo di questo simbolo. Eppure le nostre vite sono piene di incontri con crocifissi della storia cioè di malati, di poveri, di emarginati, di persone che soffrono per mille motivi e forse noi stessi portiamo impresse nel corpo e nel cuore le piaghe di mali che tormentano la vita. Ecco allora chi è Gesù. Gesù è l’uomo che soffre e che noi rifiutiamo dall’alto del nostro sentirci migliori, di crederci buoni, di sentirci a posto con la coscienza.

Finché ci sarà una sola persona che soffre, una sola persona che sta male noi siamo responsabili, noi dovremmo sentirci mordere la coscienza. Preghiamo perché la Quaresima ci dia la consapevolezza della nostra corresponsabilità e della nostra indifferenza che fa male, molto male …

Purtroppo anche noi stiamo partecipando e rinnovando la crocifissione del Cristo nel nostro presente.

Chiediamo a Dio di perdonare il nostro perbenismo e il nostro girare la faccia dall’altra parte. È su questo che saremo giudicati e non su altre cose. Dio liberi il nostro cuore dalle catene dell’orgoglio, dai blocchi mentali e ci doni umiltà e coraggio per riprendere la vita tra le mani e liberare ogni prigioniero dal dolore, dalla povertà, dalla sofferenza e da ogni male.

Franca e Vincenzo osb-cam ❤️

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 8,21-30

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire». Dicevano allora i Giudei: «Vuole forse uccidersi, dal momento che dice: “Dove vado io, voi non potete venire”?».
E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati».
Gli dissero allora: «Tu, chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che io vi dico. Molte cose ho da dire di voi, e da giudicare; ma colui che mi ha mandato è veritiero, e le cose che ho udito da lui, le dico al mondo».  Non capirono che egli parlava loro del Padre.
Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io Sono e che non faccio nulla da me stesso, ma parlo come il Padre mi ha insegnato. Colui che mi ha mandato è con me: non mi ha lasciato solo, perché faccio sempre le cose che gli sono gradite». A queste sue parole, molti credettero in lui.

Parola del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.