Archivi categoria: Dialoghi vicino al caminetto

Il biancospino della speranza

Un biancospino che fiorisce a dicembre: questa è la speranza.

Sognando futuro abbiamo “incontrato” un pellegrino, … un viandante che la notte di Natale di tanti anni fa (60/70 dopo Cristo) giunto alla sua meta, prima di mettersi a dormire, piantò il suo bastone a terra. Quel bastone divenne un arbusto di una varietà che ancora oggi fiorisce solo in Cornovaglia, proprio dove Giuseppe d’Arimatea, il saggio ebreo che donò la sua tomba a Cristo, lo piantò nella “notte” in cui si fa memoria del Cristo luce del mondo.

Una antica credenza o una leggenda?

A noi piace pensare che sia una di quelle piccole storie che offrono speranza a cuori disillusi e provati dall’assenza di amore. Una speranza che illumina la notte buia di vite nascoste nel silenzio dei giorni e che racconta di una rara possibilità: la fioritura di un biancospino a dicembre proprio in Cornovaglia. Una speranza che, però, continua ad animare le visioni di questo quotidiano, proprio come la fioritura di dicembre del biancospino di Cornovaglia.

Sognare è già vedere e noi vediamo già un arbusto di biancospino fiorire nella nostra vita.

Franca e Vincenzo, osb-cam

Il relitto vivo

Nessuno, ormai, ricorda più da quanto tempo era su quella sperduta spiaggia. Testimone scomodo di tempi passati; scarto, ormai, inutile di quanti se ne erano serviti per le loro imprese; austero ammasso di materiale troppo ingombrante per questi tempi fatui.

Grazie al suo servizio molti avevano avviato relazioni, altri avevano consegnato messaggi e raccolto migranti nei mari.

Tempi nuovi ci hanno consegnato nuovi comandanti che per gli stessi compiti si avvalgono di altri mezzi e lui, è rimasto adagiato su una spiaggia deserta dove solo alcuni bambini affezionati al mondo delle favole amano andare. Lui li guarda e ne asseconda la curiosità raccontando la realtà di un tempo nel quale passione, entusiasmo e gioia sostenevano il suo servizio. Parla con lentezza e disegna nel cuore orizzonti capaci, ancora oggi, di evocare sogni. I bambini guardano il mare e gli chiedono di continuare e lui, adagiato su quella spiaggia deserta, unisce il suo sguardo a quello dei piccoli e degli appassionati di sogni e continua a raccontare mondi perduti trasmettendo speranze … e la vita va.

franca e vincenzo,

 

I sogni dell’uomo con il cappello a cilindro

L’uomo con il cappello a cilindro e il papillon da un po’ di tempo ha ripreso a sognare. Fa strani sogni, sogni davvero curiosi.

Sognare a volte porta in brutte situazioni. Appaiono, per esempio, uomini dal volto buono ma dal cuore di pietra, ingannatori seriali che hanno fatto di questa arte una professione. Spesso raccontano favole e rubano segreti a ingenui e semplici creduloni che poi  vengono venduti per quattro soldi ai loro propositi di esercizio del potere. Questi loschi figuri dal volto buono e dal cuore di pietra si aggirano per strade e piazze, frequentano i salotti buoni ed esercitano il potere credendo di restare impuniti. L’uomo con il cappello a cilindro e il papillon, ormai, gli ha scoperti e restando al gioco ha imparato a difendersi. Non gli piace questa situazione meschina ma cosa altro può fare? Tu cosa gli consiglieresti di fare?

L’uomo con il cappello a cilindro ha però scoperto che questi ingannatori seriali sono più di quanti aveva mai immaginato e allora ha rafforzato la sua corazza. Tra i rimedi più sicuri c’è sicuramente la cernita delle amicizie. Occorre selezionare al massimo, e restringere il campo all’essenziale e non perdere mai la spinta al bene … l’uomo con il cappello a cilindro e il papillon resterà sempre un buono rischiando ogni giorno di essere frainteso ma mai perderà il desiderio di compiere il bene. Ora ha imparato che per vivere cosi dovrà perdere un po’ della sua innata innocenza e corazzarsi di discrezione costruendo relazioni capaci di raccontare con gesti e poche parole che si vive una volta sola e che non possiamo farci sfuggire l’occasione di fare il bene. Ha anche imparato che di fronte agli ingannatori seriali occorre mantenere un comportamento di difesa fatto di poche parole senza alcuna condivisione. Meglio ancora sarà fuggire ogni occasione di incontro per evitare sbagli che possano insospettire. Ma sopra ogni cosa non parlerà di questo argomento e dedicherà la sua attenzione alle cose semplici della vita quotidiana: un pezzo di pane, una ciotola di riso, un filo d’erba che cresce tra le pietre, un frutto appena colto dall’albero, un sorriso e tante altre cose che in questo mondo sono solo amenità. A presto.

Sul Monte Taleo

Mentre lo sguardo si perde in lontananza la mente scende nel tempo e le parole del vento riportano alla memoria storie ed atmosfere antiche. Focalizzo i 13 monasteri che la tradizione accredita fondati da San Benedetto sul Monte Taleo e mi accorgo di avere, appena adesso, varcato l’ingresso di uno di questi.

Continua la lettura di Sul Monte Taleo

“I care” … Mi interessa.

Stamattina condividiamo una piccola riflessione sull’indifferenza che, purtroppo, attraversa tante vite di questo nostro tempo e rilanciamo l’appello del papa a non perdere la speranza.

Papà Francesco a ripetizione ha parlato dell’indifferenza che è un segno negativo del nostro tempo. In realtà l’indifferenza uccide l’anima, uccide più dell’odio e si dice che sia il peggior disprezzo. Come tutto questo sia vero lo sa chi la subisce. Ci si sente ignorati, non considerati, si avverte un diffuso senso di isolamento e in circostanze pubbliche si riceve un breve cenno di saluto solo se si incrociano gli sguardi.

0198gi4a

Continua la lettura di “I care” … Mi interessa.

La Chiesa dei piccoli fa sognare

Ventosa è  un piccolo Borgo tra le colline degli aurunci. La Chiesa orientata a levante è  dedicata a San Martino ed era il cuore di un convento benedettino legato a Montecassino come tutti i borghi vicini. In questa Chiesa che custodisce l’unico affresco del territorio dell’artista di Castelforte Aldo Falso, questa sera è  stato presentato il libro fotografico che don Simone ha dedicato a San Giovanni Paolo II.

p_20161228_204523

Continua la lettura di La Chiesa dei piccoli fa sognare

La speranza tra “Bariona” e “l’opera”

Cari amici, anche stasera la legna arde nel nostro caminetto. Rientriamo verso le 22,00 e troviamo Lucia e Giulio anche loro appena tornati. Franca prepara in fretta qualcosa  per cena e scambiamo qualche parola sulla giornata. Tra una bruschetta condita con il nostro olio e l’origano di Roccamonfina ci accorgiamo che i due appuntamenti serali ai quali abbiamo partecipato avevano al centro tutti e due la stessa cosa: la speranza.

 

img-20161215-wa0024

Continua la lettura di La speranza tra “Bariona” e “l’opera”

La Chiesa serva

Ieri è  stata la festa di Santo Stefano. Siamo tornati a casa verso le 22,00 e acceso il caminetto ci riscaldavamo  prima della compieta. La fiamma viva sembrava aiutare la memoria a ripercorrere la giornata appena trascorsa. Dal mattino fino al pomeriggio siamo stati con le nostre amiche monache di clausura a Montecassino, poi  in parrocchia per la Santa Messa e il Concerto dei Ritmi Briganti (canti tradizionali del Natale) e, quindi, prima di rientrare abbiamo fatto una breve visita ad un amico.

lavanda-rupnik

Continua la lettura di La Chiesa serva