Tu non mi hai conosciuto

Per conoscere qualcuno occorre andare oltre il visibile a volte anche oltre le parole. Per conoscere davvero è necessario non solo frequentarlo ma saper leggere dentro, vedere in profondità. Per conoscere Gesù, quindi, è necessario saper vedere ciò che Gesù vuole dirci con le parole e i suoi gesti. Oggi, infatti, Gesù, sembra meravigliarsi della domanda di Filippo, forse, in verità, se ne rattrista. Ciò che di fatto Filippo non ha visto (chiedendo a Gesù “Signore, mostraci il Padre e ci basta”) è il profondo legame tra Gesù e il Padre. Si tratta di un legame unico che crea un’unità perfetta. Sono le sue opere, in realtà, a mostrarci l’amore tra il Padre e il Figlio e senza questo legame ci sarebbe stato un fallimento, il peggiore che si può immaginare. Ma questo tra Padre e Figlio è un legame di fede che (vale per Gesù e anche per noi) si può avere se e solo se siamo capaci di “dare il nostro cuore” all’altro. Solo nel caso nel quale si consegna liberamente il cuore e ci si affida al Padre, come ha fatto Gesù, allora possiamo trovare la pace nel cuore e avere e vivere una vita che lascia il nostro segno. Non possiamo sbagliare questa relazione, sarebbe davvero un fallimento senza appello.

Franca e Vincenzo osb-cam ♥️

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 14,6-14

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre?
Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre.  E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».

Parola del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.