Marta e Maria

Maria è una rivoluzionaria, una donna che rompe le brutte tradizioni che obbligavano le donne a servire mentre gli uomini avevano il privilegio di essere serviti. Maria si siede ai piedi di Gesù, come un discepolo che ascolta il Maestro e facendo questo provoca l’ira e la reazione della sorella Marta che esercita il ruolo di padrona di casa ma anche, sostanzialmente, di serva. L’invidia spinge Marta finanche a rimproverare Gesù che le risponde con chiarezza: “Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”.

Ecco Maria ha scelto la parte migliore: l’ascolto del Maestro. E così Gesù invita anche Marta a liberarsi delle brutte tradizioni che vogliono le donne serve.

Questa lettura, quindi, nasconde anche un risvolto semplicemente rivoluzionario e Maria è l’eroina capace di sfidare il potere/dominio degli uomini sulle donne.

Franca e Vincenzo oblati camaldolesi ❤️

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 10,38-42

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Parola del Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.